“Il  ricco e il povero”

Codex Aureus Epternacensis, manoscritto miniato; Parabola dell'uomo ricco e del mendicante Lazzaro
Codex Aureus Epternacensis, Parabola dell’uomo ricco e del mendicante Lazzaro, circa 1035-1040

Di seguito riportiamo, per chi volesse rileggere e approfondire, il testo della predicazione di domenica 25 settembre, preparata e pronunciata dal diacono che ha presieduto la liturgia della Parola, Stefano Gardoni.


letture di riferimento: Am 6,1.4-7, Sal 145, 1Tm 6,11-16, Lc 16,19-31.

Sono due le scene che compongono il quadro del racconto evangelico di oggi (cf Lc 16,19-31).

La prima scena riguarda la vita terrena dell’uomo ricco e Lazzaro (cf Lc 16, 19-21).

La seconda scena, invece, ritrae il ricco e Lazzaro, dopo la morte (cf Lc 16, 22-21).

Il ricco, in vita, ha ricevuto beni. Lazzaro, invece, ha ricevuto povertà e sofferenza. La situazione si capovolge con la morte di entrambi. Lazzaro, infatti, è consolato, mentre l’uomo ricco è nei tormenti (cf Lc 16,25).

Altri personaggi appaiono sullo sfondo del racconto. Sembrano personaggi non importanti.

Sono i cinque fratelli dell’uomo ricco, rimasti in vita. I cinque fratelli del racconto siamo noi.

Che cosa faranno quei cinque uomini?

Seguiranno l’esempio del ricco oppure faranno tesoro dell’insegnamento di Mosè e dei profeti? (cf Lc 16,29)

Luca non da risposta. Davanti a loro, si aprono due strade: quella della condivisione dei beni, con chi è nel bisogno, e quella del tenere tutto per se stessi.

Read more

“Chi è Dio?”

Rembrandt, Il Ritorno del Figlio Prodigo
Rembrandt, Il Ritorno del Figlio Prodigo

Di seguito riportiamo, per chi volesse rileggere e approfondire, il testo della predicazione di domenica 11 settembre, preparata e pronunciata dal diacono che ha presieduto la liturgia della Parola, Stefano Gardoni.


letture di riferimento: Es 32,7-11.13-14, Sal 50, 1Tm 1,12-17, Lc 15,1-32.

Chi è Dio? A questa domanda risponde la Liturgia della Parola di questa XXIV Domenica, che ci presenta la bellissima pagina della grande Parabola della Misericordia .

La Bibbia non è un libro di morale, come non è un libro di storia , di geografia, di scienze, di diritto, ecc. La bibbia è la Parola d’Amore che Dio rivolge all’uomo per chiamarlo alla comunione con lui e alla felicità senza fine; ciò avviene mediante la rivelazione di Dio nella storia della salvezza, dove Egli con il suo insegnamento ci rende partecipi del suo mistero d’amore. E se volessimo scegliere,in tutta la bibbia un brano che ci aiuti a conoscere Dio ed il suo progetto su di noi,questo potrebbe essere la pagina odierna del Vangelo. Il lungo brano che abbiano ascoltato non è una composizione di tre parabole  messe insieme; il brano che abbiamo ascoltato racchiude la grande parabola della Misericordia (una sola parabola !)  dove, attraverso tre episodi, Gesù ci rivela Dio e il suo progetto d’amore.  Read more

Assetto estivo delle liturgie domenicali

Per tutta l’estate a Viarolo la liturgia domenicale sarà celebrata, alle ore 11.00, a turno da un presbitero della nuova parrocchia (don Giorgio o don Filippo), che presiederanno la Messa, e dal diacono Stefano, che condurrà la liturgia della Parola con distribuzione dell’Eucaristia.

Prime Comunioni 2016

Prime Comunioni 2016: 15 maggio, ore 11.30.

Date di prime Comunioni e Cresime 2016

In accordo con don Giorgio e tenendo conto degli impegni degli incaricati del vescovo, le prime comunioni e le cresime a Viarolo quest’anno saranno celebrate:

  • prime comunioni: domenica 15 maggio, ore 11.30;
  • cresime: domenica 5 giugno, ore 10.
Incontri Quaresima 2016

Quaresima 2016 – Serate di spiritualità per giovani e adulti

Nell’ambito della Nuova Parrocchia si terranno tre incontri quaresimali sul tema della Misericordia:

  • martedì 23 febbraio;
  • mercoledì 24 febbraio;
  • giovedì 25 febbraio.

Gli incontri, a cura di don Umberto Cocconi, sono programmati dalle 18,30 alle 20,30.

Maggiori informazioni nel volantino di seguito:

Read more

Aggiornamenti sulla transizione parrocchiale

A partire da domenica 14 febbraio sarà celebrata la Messa regolarmente ogni domenica alle 11.oo. Celebrante sarà don Giorgio, con l’aiuto occasionale di altri confratelli.

La Messa prefestiva del sabato, invece, è per ora sospesa.

Saluto di don Gian Battista

Domenica 31 gennaio 2016 don Gian Battista ha concluso la sua missione pastorale nella nostra comunità celebrando l’ultima Messa festiva del suo mandato a Viarolo.
Il nostro prete, infatti, ha deciso di ritirarsi “in pensione” nel suo paese natale, con l’intenzione di mettersi a disposizione della sua diocesi d’origine, quella di Brescia.

Dalla nostra comunità un caro saluto e un augurio di buona continuazione del suo cammino presbiterale!

Temporaneamente la nostra parrocchia ritorna ad essere affidata a don Giorgio Masini, parroco di Trecasali.
Il vicario generale del vescovo, don Valentini, incontrando una delegazione viarolese in vescovado lo scorso lunedì, ha assicurato il suo sostegno alla parrocchia e l’impegno ad elaborare una strategia di transizione che aiuti la comunità a ritrovare presto la sua stabilità e mantenga e rafforzi le attività pastorali presenti, in vista di una migliore e più inclusiva integrazione nel progetto del Nuovo Assetto Diocesano.
Un nuovo incontro è stato fissato per l’inizio dell’estate per definire un progetto concreto per il futuro della nostra parrocchia.

Festa di Sant’Antonio Abate 2016

Domenica 17 gennaio 2016: FESTA DI SANT’ANTONIO ABATE
Programma:

  • ORE 19,30: SANTA MESSA
  • ORE 20,15_ CENA NEL SALONE PARROCCHIALE

QUOTA DI PARTECIPAZIONE: € 25 per gli adulti; € 10 per i bambini.

Menù:
antipasto
tortelli di zucca
anatra arrosto con verdura fresca
sbrisolona
angolo bar
vino acqua digestivo

La prenotazione è obbligatoria entro il giorno 15 gennaio 2016 telefonando in parrocchia o in trattoria allo 0521\836839.

Festa della Befana 2016

Mercoledì 6 gennaio dalle ore 15 nel salone parrocchiale FESTA DELLA BEFANA con il gioco della tombola.

Sono invitati tutti i bambini del paese con i familiari. Tutti benvenuti!

Orario delle Sante Messe nel tempo di Natale 2015

  • Giovedì 24 dicembre:
    dalle ore 14 alle ore 16 il prete è a disposizione per le confessioni. Prima o dopo le Messe è sempre possibile confessarsi;
    ore 24: Santa Messa nella notte di Natale.
  • Venerdì 25 dicembre: S. Messa solenne alle ore 11.
  • Sabato 26 dicembre, Santo Stefano:  S. Messa alle ore 11.
  • Domenica 27 dicembre: S. Messa alle ore 11.
  • Giovedì 31 dicembre: ore 17 S. Messa e canto del “Te Deum”.
  • Venerdì 1 gennaio 2016: ore 11 Santa Messa d’inizio anno.

Oltre che nel tempo indicato è sempre possibile confessarsi su appuntamento, basta chiedere al parroco anche per telefono.

Il Giubileo straordinario della Misericordia

L’ 8 Dicembre 2015 ad opera di PAPA FRANCESCO ha avuto inizio il GIUBILEO STRAORDINARIO DELLA MISERICORDIA. Nella tradizione cattolica il GIUBILEO é un grande avvenimento religioso a livello planetario, significativo e coinvolgente. GIUBILEO richiama alla nostra mente il sostantivo “Giubilo”. Se “Giubilo” viene dal latino (“iubilare” che significa GRIDARE CON GIOIA), forse non tutti sanno che al parola GIUBILEO invece deriva dall’ebraico JOBEL che é un antico strumento a fiato ricavato da un corno d’ariete !!! E’ nell’ANTICO TESTAMENTO che inizia la tradizione del GIUBILEO: secondo la legge di Mosé ogni sette anni ricorreva l’anno SABBATICO durante il quale si lasciava riposare la terra e venivano liberati gli schiavi. Ogni cinquant’anni poi cadeva l’anno GIUBILARE. Questo periodo speciale era annunziato a tutti proprio dal suono del JOBEL. La forma di GIUBILEO che oggi vive la Chiesa ha avuto inizio nel 1300 per opera di PAPA BONIFACIO VIII. Il 22 febbraio 1300 venne indetto il primo ANNO SANTO GIUBILARE della storia: i pellegrini che avessero visitato con sincero spirito di pentimento e di conversione e di penitenza la Basilica dei Santi Apostoli Pietro e Paolo avrebbero ottenuto l’indulgenza plenaria. Il PAPA volle imprimere una connotazione cristologica al Giubileo dando inizio – e di conseguenza efficacia – all’Anno Santo retroattivamente al natale del 1299: LA NASCITA DI GESU’ SAREBBE STATA IL PUNTO DI RIFERIMENTO DEL GIUBILEO.


(Tratto da “LASCIAMOCI SORPRENDERE DA DIO – GIUBILEO STRAORDINARIO DELLA MISERICORDIA – GUIDA-RICORCO – Libreria Editrice Vaticana – 2015)

I domenica d’Avvento 2015 – festa “del pane”

I domenica d’Avvento 2015 – festa “del pane”

Alcune immagini della I domenica d’Avvento 2015, con la consegna del pane.
Read more

Cimitero di Viarolo

Cimitero di Viarolo

Di seguito alcune foto del cimitero di Viarolo, scattate da don Gian Battista Bontempi in novembre 2015.

Read more

Festa di Ognissanti – Commemorazione dei fedeli defunti 2015

FESTA DI TUTTI I SANTI
Domenica 1 novembre alle ore 11 S. Messa, in chiesa.
Alle ore 14,30 rosario e benedizione al cimitero.
COMMEMORAZIONE DEI DEFUNTI
Lunedì 2 novembre S. Messa ore 10 alla chiesetta del cimitero.

Esercitazione scout in parrocchia

Funerale di Franca Rocca

Presso l’ospedale maggiore cittadino, è deceduta il 15 settembre 2015 Franca Rocca, d’anni 87. Ho fatto il funerale lunedì 28. Era vedova senza figli ma benvoluta e circondata da molto affetto dagli altri parenti e dai vicini di casa. In questa pagina di fb, c’è la foto che la ritrae con altre persone mentre riceve la comunione presso la casa di un’altra persona anziana, durante la visita pastorale del vescovo nel 2014. Ho descritto il suo passaggio terreno con il racconto del giudizio universale del vangelo di Matteo al capitolo 25, qui Gesù afferma che ogni gesto di misericordia verso i più piccoli è fatto a lui, ora Franca riceverà da Lui la ricompensa dei giusti per le tante persone beneficate dal suo altruismo. Non la vederemo più scorrazzare per il Cornazzano con la sua utilitaria ma la immaginiamo sterzare fra le nubi del cielo con una patente rinnovata per sempre, impegnata a tenere allegri anche gli angeli del paradiso con la sua mimica e l’umorismo che la caratterizzava.

Funerale di Angelina Gottofredi

Il 12 agosto ’15 è deceduta presso l’abitazione di via Cornazzano Gottofredi Angelina, popolarmente chiamata Angela. Era nata nel 1921 quindi aveva superato i 94 anni. Ho fatto il funerale di venerdì 14 vigilia della festa della Madonna Assunta in cielo. È stato facile collegare l’esperienza del cielo vissuto da Maria con il nostro cielo, quello che scrutiamo quando sostiamo sulla soglia dell’infinito in cerca di un’eventuale stella cadente. Angela poi ha quasi attraversato il secolo e si è potuto parlare della beatitudine della povertà anche materiale d’altri tempi, simile a quella del vangelo. Giunge poi la vecchiaia, la malattia, il molto tempo passato a consumare la corona del rosario e a invocare Maria a pregare per noi adesso, e nell’ora della nostra morte … amen.

Funerale di Giorgio Boraschi

L’ 11 luglio muore a 61 anni Boraschi Giorgio. Era sposato, lascia la moglie, tre figli e nipoti. Nella vita lavorativa ha svolto il mestiere di piastrellista, pavimentista. Un male inesorabile, dopo alcuni anni di pesante calvario, lo conduce alla sofferta conclusione della vita in questo mondo. Molti parenti e amici partecipano al funerale il giorno 14, il rosario della vigilia rileva una straordinaria presenza di persone che coralmente manifestano solidarietà ai familiari per i lutto che li ha colpiti. Affidato alla misericordia di Dio riposa in pace nel cimitero di Ronco C.C.